I pick up artist (PUA) e i coach del dating sono una truffa

Oggi vi porto la traduzione (abbastanza libera) dell’articolo Pickup Artists (PUAs) and Dating Coaches are Frauds, pubblicato da Randy Thompson su incel.blog. Visto che le “truffe” di PUA e “dating coach” vari stanno iniziando a diffondersi anche nel nostro Paese, sfruttando la disperazione di legioni di uomini soli a causa del loro basso LMS, ho pensato che fosse bene informare sull’argomento quante più persone possibili. Buona lettura.

I pick up artist (PUA) e i coach del dating sono una truffa

I concetti portati avanti da PUA e “dating coach” vari non sono nulla di nuovo, l’ “arte di sedurre le donne” è vecchia come il cucco. Secondo i dati scientifici in nostro possesso fino a 8000 anni fa si riproducevano 17 donne per ogni uomo, come riporta ad esempio questo articolo del Pacific Standard. Ciò suggerisce che l’impossibilità per gli uomini di trovare una compagna sia stato un problema per molto tempo, contrariamente alla convinzione che la condizione dei celibi involontari sia un fenomeno esclusivamente moderno.

Che cos’è un Pick Up Artist (PUA)?

Un PUA è un individuo che afferma che affidarsi al cosiddetto “game” (che consiste in un misto tra tecniche di seduzione e comprensione della psicologia umana) sia molto utile per risultare attraenti agli occhi delle donne. Dicono che fare sfoggio di fiducia in se stessi, autostima e abilità sociali sia il modo migliore per “rimorchiare”, sminuendo al contempo il ruolo svolto dagli attributi fisici, come ad esempio bellezza del viso ed altezza, nelle dinamiche dell’attrazione. Molti di loro sostengono anzi che l’aspetto fisico non abbia alcuna importanza in queste dinamiche e che per avere successo con le donne sia necessario semplicemente affidarsi al “game” e “mettersi al lavoro”.

Leggi tutto “I pick up artist (PUA) e i coach del dating sono una truffa”