Perché non dovresti mai utilizzare Tinder se sei un uomo non attraente

Oggi vi porto la traduzione dell’articolo Why You Should Never Use Tinder as an Unattractive Man, pubblicato da Randy Thompson sul sito incel.blog.

L’ascesa delle moderne app di incontri come Tinder ha aperto la strada a un cambiamento epocale su come le persone si frequentano in ambito sessuale e relazionale. Secondo Stanford, l’incontro online è diventato il mezzo principale con cui le coppie statunitensi entrano in contatto. Questo diventa ancora più vero nell’era delle quarantene e delle chiusure per COVID-19.

Tuttavia, se sei un uomo poco attraente, queste app sono una totale perdita di tempo. Sono specificamente progettate per succhiare denaro dagli uomini che hanno perso la lotteria genetica. La stragrande maggioranza dei soldi che queste app guadagnano proviene da uomini che credono di poter in qualche modo “bypassare” il sistema e ottenere corrispondenze. La realtà come uomo sulle app di incontri è che, a meno che tu non sia attraente, non riceverai messaggi o molti match, sempre che tu ne riceva.

L’algoritmo di Tinder

L’algoritmo di Tinder ti svantaggerà per quasi tutto, anche per cose su cui non hai il controllo. L’algoritmo ti classificherà in base a 4 fattori principali: 1) swipe rate (popolarità), 2) swipe quantity, 3) la tua attività e 4) la promozione a pagamento.

Avere un grado più alto vuol dire che verrai mostrato alle donne tra le prime scelte, mentre avere un grado più basso significa che potresti essere mostrato alle donne non così spesso, o proprio per nulla. In alcuni casi, potresti anche ricevere uno shadowban e non venire mostrato a nessuno!

Il tuo swipe rate (popolarità) è il numero di volte in cui le persone ti concedono il match rapportato al numero di volte in cui te lo rifiutano. Se hai un rapporto di circa 1 a 1, con quasi la stessa quantità di swipe a destra e a sinistra, il tuo profilo risulta “popolare”, e verrai mostrato tra i primi risultati. Se le persone ti rifiutano il match in misura maggiore, ti classificherai più in basso.

La swipe quantity è il numero di volte in cui scorri i potenziali match verso destra piuttosto che verso sinistra. Dare il match a ogni donna è una strategia che di solito viene raccomandata dai dating coach e da altre persone che non hanno familiarità con l’algoritmo, ma ciò colloca il tuo profilo in una posizione più bassa e potrebbe persino costarti lo shadowban.

La tua attività è determinata dalla frequenza con cui utilizzi l’app per inviare messaggi o scorrere i profili. Più attività significa che il tuo profilo sarà posizionato più in alto rispetto a quelli non attivi.

La promozione a pagamento è quando acquisti un servizio in abbonamento come Tinder Gold. Essere un cliente pagante consentirà al tuo profilo di essere classificato più in alto, anche se non è noto se pagare qualcosa su Tinder aumenterà effettivamente il tuo grado.

I fattori sopra citati determinano quanto sei “bravo” e determinano se farai bene su Tinder o meno. Come c’era da aspettarsi, gli uomini di bell’aspetto ottengono un gran numero di match, mentre gli uomini di aspetto mediocre o brutti ne ricevono pochi o nessuno.

La cruda realtà

Le app di incontri come Tinder manipolano la visibilità maschile per promuovere l’ipergamia femminile. Ciò aiuta queste app a massimizzare le loro entrate, mantenendo frustrati gli uomini poco attraenti e facendoli pagare per i loro servizi in modo da aumentare le proprie entrate.

I giornalisti del quotidiano francese Le Monde hanno eseguito un esperimento su Tinder utilizzando un uomo e una donna di aspetto medio, scoprendo che il tasso medio di corrispondenza per le donne era del 50%, e per gli uomini solo del 2%. Questo non solo conferma ciò che abbiamo visto in molteplici esperimenti di Tinder fatti dai membri delle comunità incel, ma convalida anche la filosofia blackpill in altri modi.

Non si può negare il fatto che gli uomini attraenti ottengono la massima attenzione negli appuntamenti online, ma i dati mostrano anche che il 10% più ricco degli uomini ottiene il 58% dei like da parte delle donne nelle app di incontri. I dati provengono da Hinge, che è una nota e popolare app di incontri che consente di filtrare le persone in base all’altezza, che ora è una caratteristica premium, e all’etnia, tra gli altri fattori.

I dati di Hinge mostrano anche che il 95,7% dei like delle donne va al 50% più ricco degli uomini, il che significa che il 50% più povero degli uomini è quasi completamente invisibile su Hinge e molto probabilmente anche su tutte le altre app di incontri.

L’American Psychological Association ha riportato una minore autostima negli utenti maschi che utilizzano Tinder nella ricerca presentata alla convention annuale dell’American Psychological Association nel 2016. I ricercatori hanno avvertito che questi problemi di autostima potrebbero non essere causati dall’app, ma ciò sembra essere confermato da alcun dato di supporto.

Insieme ai dati di cui sopra e alla conclusione di questo studio, diventa chiaro il motivo della minore autostima negli uomini che utilizzano queste app: pochi o nessun match.

Un articolo del Daily Mail afferma che la maggior parte delle persone rifiuta il match sulle app di incontri basandosi esclusivamente sull’aspetto e sull’etnia, e che la maggior parte di queste decisioni viene presa in meno di un secondo. Tutto, a parte la razza e l’attrattività, diventa irrilevante anche quando si tratta di prendere queste decisioni.

L’articolo afferma anche che i profili degli utenti di colore sono stati rifiutati più spesso di quelli degli utenti bianchi, il che convalida la teoria JBW (“just be white”). La teoria JBW afferma che essere etnicamente europidi conferisce un vantaggio negli appuntamenti rispetto agli uomini di altre etnie, poiché è un fattore che mediamente viene preferito dalle donne.

Conclusioni

Oggi il dating per l’uomo medio o al di sotto della media nell’era delle app di incontri sta diventando più difficile di anno in anno. Anche se riesci ottenere alcuni match, stai comunque competendo con molti altri uomini per ottenere le attenzioni di un piccolo gruppo di donne.

Considerando i dati sopra, la cosa migliore che un uomo può fare è scoprire quale sia il proprio livello di attrattività facciale, e decidere se valga la pena di dedicarsi al looksmaxxing.

Un uomo dall’aspetto medio potrebbe trarre beneficio dalla chirurgia plastica. Potrebbe anche trarre vantaggio dall’adottare tecniche soft di looksmaxxing, come andare in palestra, indossare abiti alla moda e attillati o farsi un taglio di capelli di tendenza.

I tratti fisici come l’altezza o il viso sono cose che non possono essere cambiate, e contano più di qualsiasi altra cosa quando si parla di appuntamenti online.

Gli uomini meno attraenti hanno poche o nessuna speranza che la loro situazione cambi, soprattutto perché le donne stanno diventando sempre più selettive nel tempo. Man mano che le app di incontri come Tinder prenderanno piede, sempre più uomini saranno completamente esclusi dalle dinamiche del dating.

Un commento su “Perché non dovresti mai utilizzare Tinder se sei un uomo non attraente”

  1. Niente di nuovo sotto il sole, ma è sempre bene ribadirlo.
    Così come è sempre bene ribadire quanto le np siano dannatamente privilegiate in questa marcescente e putrefatta civiltà occidentale e, a tal proposito Varg, ho qui una succulente notizia da bestiario femminile:

    https://www.lanazione.it/prato/cronaca/aggressione-alla-figlia-1.7526808

    Ora, ok che ci sarebbe di mezzo un’aggressione fisica (anche se sarei curioso di conoscere il casus belli), ma il fatto che la madre sia stata assolta dopo quella valanga di insulti a base di body shaming (ma guarda un po’!) la dice tutta….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.