Risposta ad Adriano Scianca

Oggi mi è stato segnalato un articolo di Adriano Scianca pubblicato in data odierna sul sito del Primato Nazionale, dove in occasione del giorno dedicato alla “festa della donna” l’autore invita la cosiddetta “area identitaria” ad abbandonare in maniera definitiva l'”anti-femminismo bigotto e reazionario” che in teoria la caratterizzerebbe (c’è da chiedersi esattamente dove e in che modo, visto che dal centro-destra liberale alle frange in teoria più “radicali” ormai è una gara continua a chi sdogana di più la promiscuità femminile, si veda a tal proposito l’articolo che avevo già scritto in precedenza proprio su CasaPound e le sue prese di posizione pienamente a favore della sterile “libertà sessuale” radicatasi nella nostra società in seguito allo sciagurato ’68). Secondo la prospettiva di Scianca infatti la critica al femminismo sarebbe di per sé sterile, e i presunti rigurgiti “neo-reazionari” che oggi attraverserebbero l’area della “destra” rischierebbero di far incagliare quest’ultima su posizioni anacronistiche e limitate che guarderebbero nostalgicamente all’era reaganiana se non addirittura alla Sharia islamica (e di nuovo mi chiedo: dove e in che modo, visto che praticamente l’intero spettro della “destra” rifiuta in toto l’Islam spesso motivando tale rigetto proprio con la condizione della donna al suo interno?). Insomma, ormai è diventato ben difficile notare qualsivoglia differenza tra l’ideologia para-liberale di CasaPound e quella di Potere al Popolo, a parte le loro posizioni divergenti sul tema dell’immigrazione.

Leggi tutto “Risposta ad Adriano Scianca”

Le femministe iniziano a gettare la maschera

Come tutti ormai sappiamo, la maggior parte delle femministe al momento ci tiene ad assicurare costantemente di ambire a una presunta “parità” tra i generi, accusando chi le contraddice di essere un “maschilista patriarcale”, un “patetico incel” o chissà che altro. Molte di loro, a cui si aggiungono anche individui auto-dichiaratisi pro-incel come ad esempio Marco Crepaldi, psicologo che si definisce a favore del “femminismo paritario”, affermano che le carenze sessuali e relazionali che attualmente colpiscono i celibi involontari, nella quasi totalità giovani maschi, deriverebbero da “ruoli di genere” che svantaggerebbero gli uomini caricando su di loro pressioni a cui non tutti sarebbero capaci di far fronte. C’è però da dire che questi cosiddetti “ruoli di genere” erano sicuramente più radicati in passato piuttosto che nella società odierna, eppure fino a un paio di decenni fa qualsiasi uomo aveva la possibilità di trovare una compagna più o meno pariestetica, mentre oggi una fetta sempre più grande di giovani maschi viene tagliata fuori da qualsiasi dinamica relazionale e sessuale. Non è che magari il “problema incel” non scaturisce da un presunto “patriarcato” ma appunto dall’affermarsi dell’ideologia femminista a livello mainstream, oltre che dall’utilizzo sempre più capillare di social e app di incontri che permettono alle donne (brutte comprese) di selezionare i propri partner su base esclusivamente estetica da una lista praticamente infinita di pretendenti come se fossero al supermercato?

Leggi tutto “Le femministe iniziano a gettare la maschera”

Il problema con OnlyFans: lo sfruttamento degli uomini soli

Il seguente articolo è una libera traduzione di The OnlyFans Problem: The Exploitation of Lonely Men, pubblicato da Randy Thompson sul sito incel.blog.

Una cosa di cui non parla quasi nessuno è lo sfruttamento degli uomini soli da parte di donne online che cercano di fare soldi. Alcune donne si sono rese conto di poter guadagnare vendendo le foto dei loro corpi online e ne hanno approfittato. L’ascesa di OnlyFans evidenzia questo problema. La prostituzione è la professione più antica del mondo. Non è niente di nuovo. Tuttavia, Internet ha cambiato per sempre la prostituzione mediante l’industria del sesso e la pornografia su Internet. Tutti hanno accesso al porno facendo una semplice ricerca online. Puoi cercare su Google qualsiasi fetish ti piaccia e ottenere milioni di risultati.

Leggi tutto “Il problema con OnlyFans: lo sfruttamento degli uomini soli”

Il ritorno degli eunuchi

Probabilmente molti di voi in passato avranno visto i video del Comandante Risorto, poi conosciuto come Incel Italia e infine Cinico, prima che Youtube gli chiudesse i suoi vari canali. Oggi il blog dei Rami Spogli è orgoglioso di presentarvi un suo video inedito la cui pubblicazione era stata programmata su Youtube prima della chiusura dell’ultimo canale dai lui gestito, ovvero Cinico appunto.

Leggi tutto “Il ritorno degli eunuchi”

La pedofilia nei gruppi anti-incel

Visto che un commentatore sotto questo post mi aveva chiesto di trattare la vicenda di DrPizza, ho pensato di portare sul blog la traduzione di IncelTear: More Dangerous Than Incels Themselves?, un articolo di Juanita Chavez pubblicato su Medium che prende in esame anche questa vicenda nel quadro di una più ampia analisi sull’inquietante diffusione della pedofilia nei gruppi anti-incel. Buona lettura.

Sin dal massacro di Isla Vista perpetrato da Elliot Rodger nel 2014, Internet è andato in subbuglio riguardo il “movimento incel” online. […] Tra le altre cose, ciò ha sollecitato anche reazioni abbastanza negative. Una di queste è stata la creazione del subreddit r/IncelTear.

R/IncelTear pretende di essere una community dedicata al monitoraggio e alla ridicolizzazione degli incel, e le regole del subreddit sottolineano come in teoria prendere in giro le persone a causa dei loro problemi sentimentali e della loro verginità non sarebbe permesso.

Tuttavia, leggendo questo subreddit, si nota subito che queste regole sembrano essere applicate in modo molto approssimativo. Molti dei post di incel a cui rispondono gli utenti di r/IncelTear non sono particolarmente problematici e molte delle risposte dei membri del subreddit in questione appaiono eccessivamente meschine.

Ma potrebbe esserci qualcosa di ancora più oscuro in agguato sotto la superficie.

Leggi tutto “La pedofilia nei gruppi anti-incel”

I pick up artist (PUA) e i coach del dating sono una truffa

Oggi vi porto la traduzione (abbastanza libera) dell’articolo Pickup Artists (PUAs) and Dating Coaches are Frauds, pubblicato da Randy Thompson su incel.blog. Visto che le “truffe” di PUA e “dating coach” vari stanno iniziando a diffondersi anche nel nostro Paese, sfruttando la disperazione di legioni di uomini soli a causa del loro basso LMS, ho pensato che fosse bene informare sull’argomento quante più persone possibili. Buona lettura.

I pick up artist (PUA) e i coach del dating sono una truffa

I concetti portati avanti da PUA e “dating coach” vari non sono nulla di nuovo, l’ “arte di sedurre le donne” è vecchia come il cucco. Secondo i dati scientifici in nostro possesso fino a 8000 anni fa si riproducevano 17 donne per ogni uomo, come riporta ad esempio questo articolo del Pacific Standard. Ciò suggerisce che l’impossibilità per gli uomini di trovare una compagna sia stato un problema per molto tempo, contrariamente alla convinzione che la condizione dei celibi involontari sia un fenomeno esclusivamente moderno.

Che cos’è un Pick Up Artist (PUA)?

Un PUA è un individuo che afferma che affidarsi al cosiddetto “game” (che consiste in un misto tra tecniche di seduzione e comprensione della psicologia umana) sia molto utile per risultare attraenti agli occhi delle donne. Dicono che fare sfoggio di fiducia in se stessi, autostima e abilità sociali sia il modo migliore per “rimorchiare”, sminuendo al contempo il ruolo svolto dagli attributi fisici, come ad esempio bellezza del viso ed altezza, nelle dinamiche dell’attrazione. Molti di loro sostengono anzi che l’aspetto fisico non abbia alcuna importanza in queste dinamiche e che per avere successo con le donne sia necessario semplicemente affidarsi al “game” e “mettersi al lavoro”.

Leggi tutto “I pick up artist (PUA) e i coach del dating sono una truffa”

Perché il terrorismo islamico in Occidente?

Negli ultimi giorni la Francia è stata scossa da diversi attentati che hanno scioccato il Paese e il mondo intero, con una successione di atti terroristici di matrice islamica che vanno ad aggiungersi al lungo elenco di quelli compiuti in Europa a partire dal 2015 (se non prima) da “lupi solitari” spesso legati all’ISIS. Una cosa che salta subito all’occhio è che gran parte di questi attentatori è costituita da uomini giovani o giovanissimi: per citare due tra i casi più recenti, il ceceno Abdoullakh Anzorov, che ha decapitato il professore che aveva mostrato in classe le caricature di Charlie Hebdo su Maometto, ha appena 18 anni, mentre il tunisino Aouissaoui Bahrain, il presunto colpevole dell’omicidio di tre fedeli nella chiesa di Notre Dame a Nizza, avrebbe 21 anni.

Ma anche gli attentati e le stragi che hanno funestato la Francia (e non solo, si pensi agli eventi accaduti in Belgio e Germania) meno recentemente hanno avuto perpetratori che in media non avevano neanche 30 anni: ad esempio Chakib Akrouh, Abdelhamid Abaaoud e Salah Abdeslam, tra i responsabili degli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi, avevano 25 anni o poco più all’epoca dei fatti, mentre Foued Mohamed-Aggad, uno degli stragisti del Bataclan, ne aveva appena 23; e così via.

Leggi tutto “Perché il terrorismo islamico in Occidente?”

L’odio irrazionale contro gli incel

Il seguente articolo è una traduzione di The Irrational Hate Towards Incels, pubblicato da Randy Thompson su incel.blog.

Molte persone ostili agli incel ci odiano in misura estrema, ma perché?

Questa è la domanda che mi pongo ogni volta che su Twitter vengono indirizzati insulti nei miei confronti. Mi accusano di essere spregevole e odioso, ma in realtà non dico cose cattive. Rappresento solamente un forum [incels.co] e sono solo un uomo. Per loro, sono ogni brutta persona che abbiano mai incontrato e mi trattano come tale.

Ci accusano di essere i peggiori esseri umani sulla faccia della terra. Ci fanno costantemente la morale dicendoci che [se non piacciamo alle donne] è colpa della nostra personalità e non del nostro aspetto fisico. Anche quando mostriamo loro innumerevoli articoli scientifici che spaziano dalla biologia alla psicologia comportamentale, essi glissano e sminuiscono continuamente questi studi, fornendo articoli giornalistici come “prove”. Quando fai loro notare che le donne trovano l’80% degli uomini poco attraenti, ti ignorano o cambiano discorso. Ci sono innumerevoli studi che dimostrano come l’attrazione fisica conti sopra ogni cosa [per attrarre le donne], ma trovano sempre un modo per “confutare” questo fatto.

Leggi tutto “L’odio irrazionale contro gli incel”

Il problema della destra con gli incel (e la redpill)

Visto che Mister Totalitarismo ha già provveduto ad analizzare in maniera esauriente i rapporti (inesistenti se non direttamente ostili) tra inceldom e sinistra, in questo articolo mi occuperò di prendere in esame la altrettanto tormentata relazione che intercorre tra gli incel e la destra, soprattutto per quanto riguarda la cosiddetta “area identitaria” che fa riferimento a CasaPound (e in futuro probabilmente il blog si occuperà anche dei folkloristici “neo-pagani” de noantri).

Il mese scorso mi sono recato in edicola e insieme ad altre cose ho preso anche il numero cartaceo di settembre del Primato Nazionale (rivista che acquisto regolarmente più che altro per le pagine culturali che mi tengono aggiornato sulle novità editoriali d’area). La prima cosa che sono andato a leggere è stata la rubrichetta “Aktion Trigger” tenuta da Cristina Gauri per vedere se, come mi aspettavo da tempo visti i commenti a riguardo che lasciava nelle pagine a tema su Facebook, si fosse “finalmente” decisa a indirizzare i suoi strali pseudo-alternativi contro gli incel, e in effetti a questo giro lo aveva fatto. Prima di citare alcuni stralci dell’articolo in questione, ritengo utile accennare una breve biografia dell’autrice, che potete consultare tranquillamente su Wikipedia (in inglese) a questo indirizzo.
Una delle prime cose che saltano all’occhio è che in passato ha svolto l’attività di suicide girl con il nickname Aiki (piccola nota colorita: lei stessa sul suo profilo nel sito di SG si autodefinisce “jew b*tch”), e che ha partecipato alla realizzazione di almeno un film pornografico (i cui spezzoni con lei protagonista sono tuttora reperibili in rete). Che dire, niente di nuovo da parte di CasaPound che come ben si sa è da anni che carica sul suo carrozzone le figure più paradossali pur di ottenere un minimo di visibilità mediatica in più, a discapito ovviamente della coerenza ideologica (si vedano ad esempio i teatrini imbastiti qualche tempo fa con Nina Moric, che tra l’altro poi li ha pure scaricati dopo poco più di un anno di “militanza” nel partito).

Leggi tutto “Il problema della destra con gli incel (e la redpill)”

La vera storia di Guerriglia Memetica Blackpillata

Comincio l’articolo con una doverosa premessa: io sono/ero uno dei due amministratori (l’altro è/era Mike Litoris) della pagina facebook Guerriglia Memetica Blackpillata, i cui meme hanno impazzato nell’ambiente redpill/incel (e non solo) da inizio aprile a fine giugno dell’Anno Domini 2020.
Leggo con piacere che la nostra pagina e i rispettivi meme vengono ancora citati e condivisi abbastanza frequentemente nei meandri dell’internet frequentati da coloro che si interessano al favoloso mondo dell’inceldom o ne costituiscono parte attiva (si va dai commenti sotto gli articoli di totalitarismo.blog ai post nei vari forum dei brutti sparsi per la rete), e molti si chiedono comprensibilmente che fine abbiamo fatto, visto che abbiamo smesso di postare dall’oggi al domani senza alcun preavviso. Quindi per amor di chiarezza mi appresto a narrare la storia del progetto memetico mio e di Mike, dalla nascita alla sua conclusione (reversibile? Temo di no, grazie mille Zuckerberg).


Da parecchio tempo avevo espresso nel vecchio forum di brutti.red l’idea di aprire una pagina facebook dedicata all’incel-postaggio in chiave blackpill e doomer/nichilista, ma non avevo mai attuato concretamente il progetto sia per l’accasciamento dovuto alla mia condizione da incel sia per i miei pressanti impegni universitari. Tuttavia verso la fine dello scorso marzo, in piena emergenza Covid-19 e con la mia laurea magistrale appena conseguita (sì Innocuo, la ho finita la tesi), Mike mi ha proposto di collaborare insieme alla creazione e gestione della pagina di cui sopra. Detto fatto, esordiamo a inizio aprile con un meme del sempreverde (o per meglio dire sempregiallo) Doge, trasformato dai soliti burloni di 4chan e compagnia da meme normie del decennio 2010-2019 a simbolo di edginess spesso e volentieri para-misogina o comunque anti-thot. Il simpatico canide sarebbe divenuto in seguito il protagonista assoluto di molte delle creazioni artistiche della nostra pagina, soprattutto in versione Cheems.

Leggi tutto “La vera storia di Guerriglia Memetica Blackpillata”